start&go_associazione

Presentazione

Nel ottobre del 2018 grazie alla mostra dedicata all’Alluvione del ’68 presso lo showroom Start&Go in in località Romanina (Veglio – Biella) si sono contate circa 2.500 presenze. Questo significativo dato analitico ci fa riflettere sul passaggio di numerose persone e sui possibili motivi di attrazione da sviluppare per movimentare ed animare questo territorio fortemente depresso, specialmente dopo la crisi laniera e la chiusura di molte realtà industriali del settore. Lo scorso anno i due Rally della Lana [Moderno e Storico] hanno portato più di 3000 persone a manifestazione creando un buon movimento nelle strutture del basso Biellese, la missione della manifestazione è di creare lo stesso indotto nel territorio dell’alto Biellese.

Il Rally della Lana ha visto i suoi albori proprio in queste zone, è qui in queste vallate, dietro alle curve, che si sono consumate prove speciali, trasferimenti di gare e momenti indimenticabili dagli anni ‘70 ad oggi. Per queste regioni, per l’interesse che il mondo del rally ancora accende, per il clima che si respira prima e dopo le competizioni, per tutto quella adrenalina che ruota attorno a questo sport che si vuole celebrare la 40esima edizione con la Mostra denominata rally ‘Lana since 1973’: un mese celebrativo del mondo rally con un programma di serate dedicate a sponsor, sostenitori, collaboratori e partner.

La Mostra rallyLana since 1973’, i cui marchi gentilmente concessi sono di proprietà di ACI Biella, sarà in esposizione dal 13 giugno al 24 luglio 2019, periodo in cui si correranno le gare Rally Lana Storico valevole per il Campionato Italiano, [21-22-23 Giugno] e il Rally Lana moderno], valevole per la coppa italia [13-14 Luglio]. Durante il periodo espositivo, saranno organizzate serate celebrative sul tema dei motori e sui temi solidali/culturali come ad esempio il progetto Laborarte in collaborazione con AIL Biella Fondazione Clelio Angelino e il Liceo di Scienze Umane dell’ Istituto di Istruzione Secondaria Superiore di Cossato e Vallestrona, questo è fortemente voluto per creare una nuova rete di scambio tra gli interessi sportivi, la sensibilizzazione del territorio e le realtà circostanti.